Il contatto immediato dopo la nascita

Benefici del contatto pelle a pelle fra madre e neonato subito dopo la nascita

Un immediato contatto tra madre e figlio è benefico non solo per il  piccolo, ma anche per la formazione di un adeguato atteggiamento materno

Dopo lo sconvolgimento del parto, i primi momenti in cui la madre e il neonato possono stare a contatto sono preziosissimi per il ritorno della pace, per la pronta ripresa corporea dopo l’intenso sforzo e per la conoscenza e la relazione tra i due.

L’osservazione degli altri mammiferi suggerisce il bisogno del piccolo di rimanere con la madre per tutto il tempo necessario ad abituarsi all’ambiente esterno all’utero; questo è anche il periodo in cui le madri leccano i cuccioli, li allattano, li annusano e li riconoscono come propri. L’osservazione di madre e figlio che restano uniti subito dopo il parto, delle loro prime lente interazioni e delle competenze di entrambi, svela qualcosa di magico, fuori dal tempo, che chiede totale rispetto e l’assenza di qualsiasi intromissione. È un momento che si avvicina molto a essere qualcosa di sacro.

Quando i bambini vengono posti a contatto pelle a pelle con la madre subito dopo la nascita hanno già le competenze per strisciare verso il seno e attaccarsi, stimolando le contrazioni uterine e incoraggiando nel corpo materno la produzione degli ormoni prolattina e ossitocina, fondamentali per l’avvio dell’allattamento. Il rilascio dell’ossitocina causa poi l’innalzamento della temperatura nella zona toracica del corpo della madre, in modo che il piccolo posto sul torace materno eviti il raffreddamento e la dispersione termica: questo è un meccanismo geniale del corpo umano che permette di creare un ambiente perfetto, caldo, accogliente e protettivo per i bambini.

Il contatto immediato consente alla madre di imprimere nella memoria i dettagli del proprio cucciolo e promuove comportamenti teneri diretti all’accudimento: si pongono in questo modo le basi per l’attaccamento, processo che porterà i due individui a riconoscersi e preferirsi fra gli altri. Può sembrare una cosa scontata, ma questo breve tempo trascorso insieme, indisturbati, dopo il parto è importantissimo per porre le basi della relazione tra mamma e bambino e li aiuterà ad affrontare anche i momenti più impegnativi che si presenteranno durante i mesi a successivi.

Per i neonati poi, il contatto pelle a pelle immediato dopo la nascita promuove la stabilizzazione fisica, regolarizza il battito del cuore e la respirazione, oltre ad abbassare di molto i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress, regalando pace e benessere dopo la fatica della nascita.

Nonostante non tutti lo sappiano, le disposizioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dell’UNICEF evidenziano i notevoli benefici del contatto tra madre e figlio subito dopo la nascita e prevedono la non separazione come norma per quasi tutti i parti. In particolare si raccomanda che le madri siano aiutate ad iniziare l’allattamento entro mezz’ora dal parto e che i neonati siano posti in contatto pelle a pelle con la madre immediatamente dopo la nascita.
Non esistono conseguenze negative a breve o a lungo termine associate con il contatto pelle a pelle e per questo motivo ci auguriamo che sempre più mamme e bambini possano beneficiarne a partire dalla nascita, proseguendo giorno dopo giorno.

Write a Reply or Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.